Search for contacts, projects,
courses and publications

Italian Literature I ( Institutions of Italian literature)

Description

Contenuti:

Come ogni disciplina, la Letteratura italiana ha le proprie istituzioni e i propri codici. Il corso si propone di illustrare strumenti e prassi critiche che favoriscano l’accesso ai testi e alla loro “leggibilità”, partendo dai tratti formali del linguaggio letterario (in primis retorico stilistici), per trattare specifici aspetti sottesi alla scrittura letteraria, sia in verso sia in prosa: le strutture della narrazione, l’istituto del commento, i dispositivi allusivi dell’intertestualità, i generi letterari esposti nella loro storicità, i secoli e la periodizzazione: tutte forme e categorie inscritte nell’opera letteraria, e tese a «chiamarla alla presenza» (J. Starobinski).

 

Obiettivi didattici:

Comprendere ed esaminare i testi letterari nelle loro peculiarità linguistiche e formali; saperli contestualizzare dal punto di vista del genere e in una prospettiva intertestuale; più specificamente:

  • analizzare un testo poetico riconoscendone le forme metriche, storico-linguistiche, stilistiche e retoriche; avere strumenti per riconoscere le strutture e la «grammatica» narrativa di base dei testi in prosa;
  • acquisire terminologia tecnica, apparato concettuale e metodologia necessaria alla descrizione e all’analisi di testi poetici e testi in prosa appartenenti alle varie epoche della storia della letteratura italiana; saperli applicare ad altri testi, analoghi a quelli affrontati a lezione.

 

Modalità didattiche:

Lezioni frontali intervallate da esercitazioni di scrittura (con cadenza settimanale dalla seconda parte del semestre), svolte su testi strettamente interrelati agli argomenti del corso, e scandite per moduli relativi alle istituzioni trattate. La Piattaforma sarà impiegata, insieme a un dossier cartaceo, per testi richiesti nel programma d’esame e per materiali di approfondimento (pdf di saggi, articoli, documenti di difficile reperimento).

 

Modalità di valutazione:

Si ritiene adeguata la prova scritta che, oltre a dimostrare l’assimilazione dei contenuti del corso, segua un ordine ragionato del discorso; la prova è tesa a verificare la comprensione e la capacità di analisi di testi letterari con particolare attenzione agli aspetti intertestuali. La valutazione dello scritto è esito di una media ponderata tra il risultato dell’esame in itinere (pari al 30%) e all’esame in sessione (70%), entrambi formulati in forma scritta. È possibile in alternativa sostenere un unico esame in sessione (con valutazione al 100%), il cui programma – integrato – sarà concordato con la docente.

 

Bibliografia

 

A. Gli argomenti svolti a lezione e nelle esercitazioni di complemento al corso.

B. Metrica, retorica e stilistica:

 

  • P. G. BELTRAMI, Gli strumenti della poesia, Bologna, Il Mulino, 20022 [le seguenti parti, aggiornate sull’ultima ristampa del manuale: pp. 11-18; 14 (§ D); 17-19; 20-22; 29-30; 31-35; 40-44; 52-53; 55-56; 63-66; 68-73; 77; 80-86; 88-89; 101-104; 105; 118-120, 122; 124-127; 131; 140-142; 143-144; 149; 151-153; 183-184; 186-188];
  • B. MORTARA GARAVELLI, Manuale di retorica, Milano, Bompiani, 2010 [le seguenti parti: tropi; p. 205; 212 (metonimia), 217 (sineddoche), 239 (sinestesia), 240 (ironia), 250 (antonomasia), 255 (litote), 257 (iperbole), 262 (adynaton), 377 (allegoria), 272 (epanalessi), 276 (anadiplosi), 288 (anafora), 293 (epifora), 267 (asindeto, polisindeto), 299 (paronomasia), 305 (figura etimologica), 283 (climax), 314 (enumerazione), 331 (anastrofe), 333 (iperbato), 350 (antitesi), 354 (ossimoro), 358 (chiasmo), 362 (similitudine) p. 368 (reticenza, preterizione), 401 (allitterazione).
  • L. SPITZER, Espressione e linguaggio nel Canto XIII dell’Inferno, in Letture dantesche, a cura di G. Getto, Inferno, vol. I, pp. 223-248, Firenze, Sansoni 1967 [pdf disponibile sulla Piattaforma];

     C. Analisi del testo, generi e commento:
  • C. SEGRE, Avviamento all’analisi del testo letterario, Torino, Einaudi, 19992 [le seguenti parti: pp. 5-8 (Comunicazione letteraria e Autore), pp. 45-49 (I livelli del testo letterario); 85-90 (Intertestualità); 108-119 (Narratologia); 127-129 (Focalizzazione)];
  • E. RAIMONDI, La metamorfosi della parola. Da Dante a Montale, Bologna, Bruno Mondadori, 2004, [le seguenti parti: pp. 73-120 (Ipotesi sull’intertestualità)];
  • T. TODOROV, I generi del discorso, trad. it. Firenze, La Nuova Italia, 1993 [le seguenti parti: L’origine dei generi, pp. 43-61];
  • Commento ai testi: atti del seminario di Ascona, a cura di O. Besomi e C. Caruso, Basel, Berkhäuser Verlag, 1989 [all’interno della miscellanea il solo saggio di C. Segre, Per una definizione del commento ai testi, pp. 3-17].

 

N.B. Per chi debba sostenere l’esame in sessione al 100%, il programma sarà integrato da questi saggi:

 

  • E. R. CURTIUS, Topica, in ID., Letteratura europea e Medioevo latino, trad. it. Firenze, La Nuova Italia, 1995, pp. 93-122 [pdf disponibile sulla Piattaforma];
  • Il testo letterario: istruzioni per l'uso, a cura di Mario Lavagetto, Roma-Bari, Laterza, 2007 [il saggio dedicato a: Spiegare (F. Brioschi), pp. 59-80, disponibile sulla Piattaforma]; 

 

People

 

Bisello E.

Course director

Additional information

Semester
Fall
Academic year
2019-2020
ECTS
6
Language
Italian
Education