Search for contacts, projects,
courses and publications

History of poetry for Music

Description

Contenuti:
Le vicende storiche della poesia italiana sono inscindibilmente legate alla musica. La produzione letteraria in versi nella sua evoluzione storica può essere considerata e reinterpretata nel suo complesso come ineludibile atto di relazione con la musica: nell’antichità classica si è fatta poesia dapprima insieme alla musica, come atto creativo complesso e inscindibile, e poco alla volta la musica ha guadagnato una sua indipendenza, passando dal nomos all'harmonia. Alle origini delle letterature moderne, e in particolare di quella italiana, l'avventura si è ripetuta, con un processo nel quale però l'allontanamento si è celebrato reciprocamente, con la composizione di testi che si proponevano di raggiungere il destinatario come messaggio autonomo, destinato alla lettura silenziosa, indipendente da una veste musicale. Successivamente la poesia ha sperimentato fasi nelle quali si è candidata ad un ruolo ancillare rispetto musica, e questo ha provocato reazioni che hanno condotto a nuovi atti di fede nei confronti della creazione poetica pura. E spesso sono convissuti orientamenti contrastanti, che nella stessa epoca hanno diviso a loro volta categorie di letterati ed anche categorie di fruitori. D'altronde la poesia contiene ingredienti fonici e ritmici costitutivi, e non sarebbe più tale senza di essi; la poesia ha perciò sempre visto nella musica la perfezione cui tendere, e anche il competitore da cui proteggersi. Un concorrente avvantaggiato dalle dispotiche leggi dello spettacolo, e incline per sua natura a sopraffarla: questa sopraffazione lungo le epoche si è consumata molte volte, generando simmetrici tentativi di autodifesa e di rivendicazione di dignità. D'altra parte la musica ha preso l'avvio dall'espressione vocale, dall'intonazione di un testo, e sempre ha riferito le sue esplorazioni puramente strumentali a questa matrice: non sarebbe immaginabile compilare una storia della musica nella quale siano escluse tutte le forme vocali, legate per ciò stesso ad un testo, senza azzerarne la comprensibilità stessa. Nell’atto di dare veste musicale ad un testo il compositore procede in continua tensione tra  conformità ad uno stile consolidato e avventura di ricerca e declinazione della propria individualità, riproducendo l’infinita dialettica tra distacco e coinvolgimento, e portando così a compimento in questa operazione intellettuale ed emotiva un vero e proprio atto critico. Inoltre nell’atto dell’ascolto di un testo musicato il destinatario del messaggio si trova alla fine di un percorso nel quale si è avverato un doppio livello di coinvolgimento: quello dell’autore della musica, che ha vissuto il testo dandogli suono, e quello dell’ascoltatore, che rivive a sua volta questo oggetto complesso facendolo reagire con la propria esperienza e sensibilità.
In questo semestre saranno approfondite le relazioni tra poesia e musica in un arco cronologico che prende avvio dalle esperienze cinquecentesche che hanno condotto alla nascita del melodramma per concludersi con una campionatura delle esperienze novecentesche.

Bibliografia orientativa:
- S. LA VIA, Poesia per musica e musica per poesia. Dai trovatori a Paolo Conte, Roma, Carocci, 2017.

- G. BELLORINI, Poesia sonora. La musicalità dei testi letterari italiani, Roma, Carocci, 2015.

- B. GALLOTTA, Manuale di poesia e musica, Milano, Rugginenti, 2001.
Ulteriori indicazioni bibliografiche saranno fornite durante il corso.

Obiettivi didattici:
Il corso si propone l’obiettivo di offrire agli studenti la possibilità di accedere a questa materia interdisciplinare seguendo un percorso storico e acquisendo parallelamente gli strumenti necessari per analizzare i testi musicati, valutarne le specifiche caratteristiche, apprezzare le differenti soluzioni adottate da chi li ha posti in musica. Per affrontarlo non è richiesta una specifica preparazione nell'ambito della grammatica e della sintassi musicale.

Modalità didattiche:
Le lezioni si svolgeranno intrecciando il tradizionale metodo frontale con il coinvolgimento attivo degli studenti, che saranno chiamati a commentare e discutere i temi proposti.

Modalità di valutazione:
L’esame, di tipo orale, consisterà in un colloquio panoramico sui contenuti del corso che prenderà avvio da un tema prescelto e approfondito dal singolo studente sulla base dei propri interessi.

People

 

Bellorini G.

Course director

Additional information

Semester
Fall
Academic year
2019-2020
ECTS
3
Language
Italian
Education
Master of Arts in Italian language, literature and culture, Elective course, Elective Courses, 2nd year

Master of Arts in Italian language, literature and culture, Elective course, Elective Courses, 1st year