Search for contacts, projects,
courses and publications

Comparative Literature II

Description

Contenuti:
Letteratura e intermedialità.
Tra le tendenze più significative degli ultimi decenni all’interno delle Letterature comparate si registrano le linee di ricerca designate con l’etichetta di ‘comparazione interartistica’ o, più recentemente, ‘intermediale’. La pratica di stabilire paralleli tra la letteratura e altre forme espressive è presente sin dall’antichità, basti pensare agli adagi di Simonide di Ceo (muta poësis, pictura loquens) e di Orazio (ut pictura poësis). Oggetto di un’ininterrotta traditio, le cui tappe intermedie sono costituite dai paralleli e paragoni rinascimentali e dal dibattito suscitato dal Laokoon di Lessing, a partire dall’inizio del secolo scorso l’attitudine alla comparazione che più in là nel tempo si sarebbe detta ‘intersemiotica’ ha dato adito a una specifica riflessione metodologica. Nella prima parte del corso verranno presentati genealogie e paradigmi di tale ambito di studi, dai prodromi antichi e moderni, trattati per cenni, alle più recenti teorie dell’intermedialità. Specifica attenzione verrà altresì riservata al dibattito sulla pertinenza degli studi inter artes o inter media all’interno delle Letterature comparate. La seconda parte del corso sarà dedicata all’analisi di casi di studio inerenti in particolare le relazioni tra letteratura e cultura visuale. Verranno presi in considerazione esempi di trasposizione mediale (adattamento), combinazione mediale (da manoscritti miniati e imprese rinascimentali a performance e installazioni digitali), riferimento intermediale (ekphrasis e mimesi dei procedimenti formali di altri media).

Per un primo orientamento sugli argomenti del corso si suggerisce la lettura di: 

  • Elisabetta Abignente, La letteratura e le altre arti, in Letterature comparate, a cura di Francesco de Cristofaro, Roma, Carocci, 2014, pp. 167-193. ·
  • Michele Cometa, La scrittura delle immagini. Letteratura e cultura visuale, Milano, Cortina, 2012.

Obiettivi didattici:

  • conoscere i momenti fondamentali della riflessione su letteratura e intermedialità nel suo sviluppo storico; 
  • conoscere le posizioni fondamentali all’interno del dibattito su comparazione letteraria e intermedialità; 
  • riconoscere le diverse tipologie di intermedialità;
  • saperle applicare nell’analisi guidata di testi letterari.

Modalità didattiche:
Il corso prevede l’alternanza di lezioni frontali di carattere storico e teorico (prevalentemente svolte a distanza) e lezioni dialogate di analisi di casi di studio (prevalentemente in presenza). La piattaforma online iCorsi viene utilizzata come repositorio di testi, registro degli argomenti delle lezioni e per l’invio di comunicazioni.

Modalità di valutazione:
Orale in sessione.
La valutazione è basata sui seguenti parametri:

  • ampiezza e solidità delle conoscenze;
  • capacità di approfondimento individuale e rielaborazione critica dei contenuti;
  • capacità logico-argomentative;
  • padronanza delle tecniche di analisi intermediale dei testi letterari;
  • impiego consapevole della lingua in generale e del lessico specifico in particolare.

Bibliografia:

  • Elisabetta ABIGNENTE, La letteratura e le altre arti, in Letterature comparate, a cura di Francesco de Cristofaro, Roma, Carocci, 2014, pp. 167-193.
  • Michele COMETA, La scrittura delle immagini. Letteratura e cultura visuale, Milano, Cortina, 2012.
  • Marco MAGGI, Modernità visuale nei «Promessi Sposi». Romanzo e fantasmagoria da Manzoni a Bellocchio, Milano, Bruno Mondadori, 2019.

People

 

Maggi M.

Course director

Additional information

Semester
Fall
Academic year
2020-2021
ECTS
3
Language
Italian
Education