Search for contacts, projects,
courses and publications

Italian Literature from the 18th century to the Unity of Italy

Description

Contenuti

Il corso verte su alcune tappe centrali nell’ampio arco che collega il Settecento italiano all’Unità d’Italia. A partire dal concetto storiografico di “Settecento riformatore” (F. Venturi) e da alcune considerazioni più generali sull’orientamento in senso riformistico della letteratura nel contesto dell’Illuminismo milanese, saranno in seguito approfondite le riforme che maggiormente coinvolsero le forme e i generi, anzitutto teatrali, lavorando in particolare sui casi di Goldoni e di Alfieri, tra comico e tragico, prosa e versi. Nella seconda parte del corso, ottocentesca, l’accento sarà posto sui generi e sulle problematiche legate al processo di graduale allargamento del pubblico dei lettori (e delle lettrici) e delle realtà, anche politiche, rappresentate nell’ambito – in particolare – del difficoltoso sviluppo del romanzo nel contesto italiano (Foscolo, Manzoni, Nievo) e in quello della scrittura giornalistica.

Obiettivi didattici

Obiettivo del corso è quello di costruire insieme agli studenti un percorso che permetta di attraversare alcune delle maggiori esperienze letterarie tra Sette- e Ottocento (autori e generi), seguendo una linea tematica che consenta una riflessione sui punti di contatto e divergenza tra le diverse esperienze osservate. Metodologicamente, viene data centralità ai testi e all’affinamento degli strumenti analitici nel lavoro testuale, inquadrati – anche storicamente – con l’ausilio di singoli spunti critico-interpretativi, e insieme attraverso la riflessione critica e meta-letteraria degli stessi autori.

Modalità didattiche

L’insegnamento è di tipo sostanzialmente frontale. I testi discussi (e caricati sulla piattaforma elettronica) potranno essere preparati da una settimana all’altra per consentire una più diretta partecipazione alla discussione in aula degli studenti, a cui si potranno proporre anche delle esercitazioni. Sono previste alcune presentazioni da preparare nel lavoro di gruppo.

Modalità di valutazione

  1. Presentazioni (20%);
  2. Esame orale in sessione (80%).

L’esame verterà, in un primo momento, sul commento di un estratto di una delle opere del programma e mira a misurare la capacità di comprendere il testo, contestualizzandolo e discutendone le specificità retorico-stilistiche. In un secondo momento saranno verificate le specifiche nozioni storico-letterarie legate alle diverse tappe del percorso proposto, nonché la capacità di metterle in dialogo e di riconoscere le linee complessive del corso.

Riferimenti bibliografici:

In vista dell’esame si richiedono:

  1. Argomenti ed estratti trattati a lezione, nel corso del semestre.
  2. Testi:
  • C. Goldoni, Il Teatro comico, in Id., Commedie, a cura di K. Ringger, vol. II, Torino, Einaudi, 1972, pp. 3-81; Id., Le femmine puntigliose, ivi, pp. 83-182. [una delle due commedie, a scelta].
  • V. Alfieri, Saul, in Id., Saul - Filippo, a cura di V. Branca, Milano, Rizzoli (BUR), 1999 (1° ed. 1980).
  • G. Parini, Il Mattino 1763, in Id., Il Giorno - Le Odi, a cura di G. Nicoletti, Milano, Rizzoli (BUR), 2011.
  • Dei tre romanzi indicati qui di seguito uno (a scelta) andrà letto integralmente, gli altri due per le parti specificate tra parentesi quadre:
    • U. Foscolo, Le Ultime lettere di Jacopo Ortis, testo stabilito e annotato da M.A. Terzoli, in Id., Opere, vol. II, Prose, Torino, Einaudi-Gallimard, 1995, pp. 1-140; per l’acquisto anche: Le Ultime lettere di Jacopo Ortis, a cura di G. Ioli, Torino, Einaudi, 2005 (o altra ed. tascabile commentata) [Parte I].
    • A. Manzoni, I promessi sposi, Storia della colonna infame, ed. dir. da F. De Cristofaro, commento di F. De Cristofaro e M. Viscardi (I promessi sposi), M. Palumbo (Storia della colonna infame), commento alle immagini di G. Alfano, Milano, Rizzoli, 2014 [Introduzione, cap. I; capp. XI-XIII; capp. XXVIII-XXXVIII].
    • I. Nievo, Le Confessioni d’un Italiano, ed. critica a cura di S. Casini, Parma, Fondazione Pietro Bembo - Guanda, 1999; per l’acquisto anche: Le Confessioni d’un Italiano, a cura di S. Romagnoli, Introduzione di C. De Michelis, Venezia, Marsilio, 2000 (o altra ed. tascabile commentata) [capp. I-XII].

   3. Approfondimenti critici:

  • F. Fido, Le commedie e la carriera del borghese in Società, in Id., Guida a Goldoni. Teatro e società nel Settecento, Torino, Einaudi, 1977, pp. 5-47.
  • V. Branca, Alfieri poeta dell’interiorità fra lirica e tragedia, in Id., Alfieri e la ricerca dello stile, con cinque nuovi studi, Bologna, Zanichelli, 1981, pp. 1-20.
  • D. Isella, Diagramma pariniano, in Id., I Lombardi in rivolta. Da Carlo Maria Maggi a Carlo Emilio Gadda, Torino, Einaudi, 19842, pp. 70-78.
  • Id., Classicità e moralità: Parini tra ieri e oggi, in Id., Le carte mescolate vecchie e nuove, a cura di S. Isella Brusamolino, Torino, Einaudi, 2009, pp. 353-370.
  • A. Battistini, Le poetiche del romanzo italiano, in Il romanzo in Italia, vol. I, Forme, poetiche, questioni, a cura di G. Alfano e F. De Cristofaro, Roma, Carocci, 2018, pp. 127-152.
  • M. Palumbo, I generi del romanzo nell’Ottocento italiano, ivi, pp. 153-174.
  • M.A. Terzoli, Forme del narrare in Foscolo, in Ead., Con l’incantesimo della parola. Foscolo scrittore e critico, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 2007, pp. 29-48.
  • Salvatore S. Nigro, ‘I promessi sposi’ di Alessandro Manzoni, in Letteratura italiana. Le Opere, dir. da A. Asor Rosa, Einaudi, Torino, 1995, tomo III, pp. 429-496.
  • P.V. Mengaldo, Appunti di lettura sulle ‘Confessioni’ di Nievo [1984], in Id., Studi su Ippolito Nievo. Lingua e narrazione, Padova, Esedra, 2011, pp. 151-215.

People

Garau S.

Course director

Education