Search for contacts, projects,
courses and publications

Nicola Emery

http://usi.to/erz

Biography

Filosofo, laurea e dottorato a Venezia e a Roma, è autore, tra l’altro, delle seguenti opere: Lo sguardo di Sisifo. G. Rensi e la via italiana alla filosofia della crisi (Milano 1997), L’eloquenza del nichilismo (Roma 2001), L’architettura difficile. Filosofia del costruire (Milano 2007; II ed. 2009), Progettare, costruire, curare. Per una deontologia dell’architettura (Bellinzona 2008; II. ed. ampliata 2010), Ethik und Architektur (Bellinzona 2010), Distruzione e progetto. L’architettura promessa (Milano 2011). È docente anche presso la Scuola di governo del territorio del SUM-Università di Firenze, membro del Comitato di riferimento per i dottorati di ricerca in Architettura del Politecnico di Milano,

Visiting professor IUAV Venezia,e interviene regolarmente anche nell’ambito di diverse altre scuole dottorali e università. Nel 2011 è stato invitato a presentare un suo progetto per l’allestimento del Padiglione svizzero alla Biennale di Venezia 2012, accedendo alla fase finale del concorso. Membro del consiglio della Fondazione Max Horkheimer,  è ideatore e curatore degli Incontri Internazionali Max Horkheimer. 

Philosopher, graduated and gained a PhD in Venice and Rome. The author, among other works, of the following writings: Lo sguardo di Sisifo. G. Rensi e la via italiana alla filosofia della crisi (Milano 1997), L’eloquenza del nichilismo (Roma 2001), L’architettura difficile. Filosofia del costruire (Milano 2007; 2nd ed. 2009), Progettare, costruire, curare. Per una deontologia dell’architettura (Bellinzona 2008; 2nd ed. enlarged 2010), Ethik und Architektur (Bellinzona 2010), Distruzione e progetto. L’architettura promessa (Milano 2011).Per il non-conformismo.Horkheimer e Pollock: l' altra Scuola di Francoforte( Roma, 2015), Arte nuova e cultura di massa ( Milano 2018).

He also teaches at the Scuola di Governo del Territorio of the SUM-Università di Firenze, is a member of the PhD Board in Architecture at the Milan Polytechnic, and regularly teaches at a number of other graduate schools and universities. In 2011 he was invited to present his project for the installation of the Swiss Pavilion at the 2012 Venice Biennale, being shortlisted in the final phase of the competition.