Ricerca di contatti, progetti,
corsi e pubblicazioni

Il testo in scena

Descrizione

Ariosto in scena: intersezioni di codice
Il corso proverà a interrogare la fortuna dei personaggi e degli episodî del poema ariostesco a partire dai libretti per le forme spettacolari della teatralità rinascimentale e barocca, fino alla sorprendente realizzazione teatrale, poi televisiva, di Luca Ronconi (con Edoardo Sanguineti, 1969 e 1974) e alla recente incursione coreografica di Mauro Bigonzetti (InCanto, 2007): come ritrovare in queste scritture sceniche i corpi che hanno tramutato nel vivente così tante immagini del poema ariostesco? Corpi, che hanno agíto parole e vicende nell’immediata realtà della loro logica? Come comprendere, nella durevole serialità di questi adattamenti performativi, che circoscrivono una fortuna che è insieme ricezione e consumo, le forme incorporate della scrittura? Quali gesti, quali posture, quali decisioni e quali sguardi hanno concentrato l’attenzione, governato la presenza, coordinato l’emozione al servizio del codice ariostesco? Si tratta, forse, della libertà del mestiere che assegna al teatro un valore di prolungamento dell’opera ariostesca, quando non addirittura il privilegio di un vero e proprio, per quanto ideale, completamento?

Modalità d´esame
Orale in sessione

Bibliografia di riferimento

1) Piermario Vescovo, Entracte. Drammaturgie del tempo, Venezia: Marsilio, 2007;

2) Alva Noë, Perché non siamo il nostro cervello. Una teoria radicale della coscienza, Milano: Cortina, 2010;

3) Freddie Rokem, Filosofi e uomini di scena. Pensare la performance (2009), a c. di Annalisa Sacchi, Milano: Mimesis, 2013.

Persone

 

Tomassini S.

Docente titolare del corso

Informazioni aggiuntive

Semestre
Autunnale
Anno accademico
2016-2017
ECTS
3
Offerta formativa