Ricerca di contatti, progetti,
corsi e pubblicazioni

Religione e mass media: rappresentazione e percezione di religione e comunità religiose in Ticino

Persone

Responsabili

Hungerbühler Savary R.

(Responsabile)

Lasagni M. C.

(Co-Responsabile USI)

Collaboratori

Benecchi E.

(Collaboratore)

Abstract

Nel contesto dei fenomeni migratori che caratterizzano la nostra era, la presenza di comunità religiose non-cristiane ha toccato anche la realtà ticinese, ampliando lo scenario delle fedi rappresentate sul nostro territorio cantonale. Su questo sfondo osserviamo che nel dibattito pubblico attuale i temi legati alle religioni (sia cristiane che non) hanno assunto una posizione di preminenza. I mass media svolgono un ruolo di primo piano in questa discussione poiché hanno la funzione di ricostruire e riprodurre i discorsi rilevanti all´interno della società. Proprio in ragione della posizione influente che l´informazione riveste in questa circostanza, riteniamo possa essere di grande importanza esaminare da vicino i discorsi mediatici sull´argomento. Quale immagine viene fornita dai media della Svizzera italiana (stampa, radio e televisione) delle religioni in generale e dei gruppi confessionali in particolare? E soprattutto, tale ritratto mediatico corrisponde alle percezioni e autopercezioni dei rappresentanti stessi dei gruppi religiosi presenti in Ticino? La nostra ipotesi principale è che le varie fedi e le comunità che le rappresentano vengano menzionate prevalentemente in contesti "altri" rispetto alla religione stessa (per esempio nell´ambito di problematiche politiche, sociali ed economiche). All´aspetto culturale e cultuale delle religioni viene invece rivolta molta meno attenzione. Sia le cronache dei media, che i punti di vista dei rappresentanti delle comunità religiose presenti nel nostro Cantone sono oggetto d´indagine di questa ricerca.Lo scopo dello studio vuole infatti essere quello di confrontare le immagini rivelate dai media con le valutazioni fornite dai portavoce dei vari gruppi di fede. Questa comparazione permetterà di far emergere i punti di consenso e dissenso e di mettere in luce eventuali nodi problematici nella comunicazione interreligiosa ed interculturale.

Informazioni aggiuntive

Data d'inizio
01.01.2008
Data di fine
01.01.2010
Durata
24 Mesi
Enti finanziatori
Stato
Concluso
Aree di ricerca
S210 Sociology