Ricerca di contatti, progetti,
corsi e pubblicazioni

La trasmissione dell'Antico in Russia e Polonia in epoca neoclassica

Persone

Responsabili

Tedeschi L.

(Responsabile)

Collaboratori

Pfister A.

(Coordinatore)

Abstract

Il progetto si propone di indagare i legami che si vengono a istituire, grazie al transfert culturale fondato sull´Antico e al suo crescente culto caratterizzante soprattutto la seconda metà del XVIII secolo (ma anche il tempo che segue fino a comprendere almeno le prime tre decadi del XIX secolo), tra l´Impero russo, lo Stato polacco-lituano e la Penisola italiana, che, di questo culto, è la culla, con Roma in primissimo piano. In particolare si dà attenzione alla cultura artistica e architettonica, dal momento che tali legami finiscono per rappresentare, proprio attraverso la trasmissione dell´Antico, veicolato da singole personalità come da una generale corrente di pensiero e da non pochi strumenti condivisi o circolanti per l´Europa intera, da nord a sud, da est ad ovest, una piattaforma culturale unitaria tra realtà affini e tuttavia distinte, nell´arco di tempo che corrisponde grossomodo alla cosiddetta stagione "neoclassica", dalla piena affermazione dell´Illuminismo all´epoca napoleonica, e fino alla Restaurazione. Ciò per meglio comprendere l´influenza di questa cultura artistica e architettonica che si impone un po´ ovunque, dalle residenze di campagna all´edilizia pubblica e privata delle maggiori città europee e per finire al loro stesso assetto urbano, dai rettifili alle pubbliche piazze, ai giardini e ai luoghi di pubblico godimento e di arricchimento della qualità della vita cittadina, preludio dell´urbanistica moderna. Da questo particolare e fecondo intreccio potrà prendere avvio una più ampia riflessione in merito a quanto va determinando la cultura artistica e architettonica europea, dall´avvento al trono di Caterina II in Russia, nel 1762, e dall´elezione di Stanislao Poniatowski a re di Polonia e Lituania, nel 1764, fino a giungere alla morte dello zar Alessandro I, nel 1825, e alla rivoluzione polacca del 1830. Tale periodo, infatti, fu caratterizzato da continui mutamenti d´ogni ordine e grado, che ebbero conseguenze incontestabili in ambito artistico e architettonico, portando a una svolta radicale che avrà lunga durata, una svolta in parte condizionata da quanto precede e in altra parte plasmata dalle nuove realtà a tal punto da configurarsi come originale contaminazione tra continuità e innovazione. Peraltro in termini mai più eguagliati né, in vero, mai prima verificatisi e, proprio per questo, portatrice, sul fronte delle arti tutte, architettura inclusa, ma anche decorazione, pittura, scultura, arti applicate e via enumerando, di idee, stili, pratiche peculiari.

Partners del progetto: Museo dell’Ermitage, Dipartimento dell’Arte Occidentale, San Pietroburgo; Museo-Castello Reale di Varsavia.

Informazioni aggiuntive

Data d'inizio
01.01.2008
Data di fine
01.01.2013
Durata
60 Mesi
Enti finanziatori
Stato
Concluso
Aree di ricerca
H310 Art history