Ricerca di contatti, progetti,
corsi e pubblicazioni

Silke Gillessen Sommer

https://usi.to/6qw

Biografia

La professoressa Silke Gillessen è un'oncologa medica con particolare interesse verso i tumori genitourinari (GU).   La professoressa Gillessen ha completato la sua formazione a Basilea, San Gallo e al Dana Farber Cancer Institute di Boston. Dopo il suo ritorno in Svizzera, ha creato l'unità di oncologia medica per il cancro genitourinario all'Ospedale cantonale di San Gallo e ha diretto il dipartimento di ricerca clinica. Dal 2018, la Prof Gillessen è stata a capo della ricerca sulla terapia sistemica del cancro genitourinario all'Università di Manchester e consulente onorario al The Christie Hospital. Attualmente è ancora titolare di una cattedra onoraria presso l'Università di Manchester. È membro del comitato scientifico delle linee guida ESMO e delle linee guida EAU per il cancro alla prostata.  

È stata per due mandati presidente del gruppo SAKK GU. Ha presieduto il gruppo EORTC sui tumori genitourinari. Ha condotto numerosi studi clinici dal 1995 e ha vinto il prestigioso premio SAKK/Pfizer nel 2011 ed è la principale organizzatrice e fondatrice dell'Advanced Prostate Cancer Consensus Conference (APCCC) che informa i medici oncologi su come utilizzare le terapie più avanzate per i loro pazienti.

La professoressa Gillessen è stata nominata da gennaio 2020 capo del Dipartimento di oncologia medica, professore ordinario all'USI e direttore dello IOSI di Lugano e Bellinzona.

Ricerca

La mia ricerca si concentra sull'oncologia di precisione e sui nuovi trattamenti per i tumori della prostata, dei testicoli e del pene.   Il cancro alla prostata metastatico è ancora una sfida enorme sia per la medicina che per la ricerca. È una malattia devastante: per la maggior parte degli uomini, si diffonde alle ossa e ai linfonodi ed è spesso fatale. La mia ricerca si concentra per trovare il modo di ottimizzare sia il trattamento che la qualità della vita di questi pazienti.   Come oncologo medico mi propongo di sostenere più studi clinici basati su biomarcatori e di personalizzare ulteriormente la medicina nel cancro alla prostata utilizzando farmaci a bersaglio molecolare e immunoterapia.