Ricerca di contatti, progetti,
corsi e pubblicazioni

Annick Paternoster

http://usi.to/hhc

Biografia

Riassunto
Stilistica del dialogo letterario (teoretico, teatrale, narrativo), la pragmatica della cortesia e della scortesia, la pragmatica storica, la metapragmatica.
Biografia
Ho studiato Filologia romanza all'Università di Anversa, nel Belgio. Ottenni una borsa dal Fondo per la Ricerca Scientifica del Belgio (Fonds voor Wetenschappelijk Onderzoek) per elaborare un dottorato di ricerca in Linguistica e letteratura romanza, sul tema del dialogo teorico nel Cinquecento italiano. Ho insegnato Terminologia e Traduzione alla Lessius Hogeschool, Anversa. Nel 1999 fui nominata Visiting Research Fellow, al Department of Italian, School of Modern Languages and Cultures, University of Leeds. Collaboro coll'ISI dal 2007.
Ricerca e insegnamento
Mi occupo dell'analisi stilistica del dialogo letterario in tre generi 'dialogici' diversi: il dialogo teorico e la trattatistica comportamentale del Cinquecento (Castiglione), il dialogo teatrale del Cinque- e Settecento (Ariosto, Goldoni) e il discorso diretto nel romanzo ottocentesco e nel giallo contemporaneo (Manzoni, Collodi, Camilleri).
Mi interessa la compagine linguistica dei dialoghi entro i testi letterari e la mia ricerca appartiene al campo della stilistica letteraria, che come metodo di analisi usa la linguistica, e più specificamente la pragmatica. Mi sono progressivamente avvicinata di un campo di ricerca che si è recentemente aperto in seno alla pragmatica storica: la (s)cortesia storica. Gli usi storici della cortesia e della scortesia sono esaminati in stretto rapporto con il discorso su cortesia e scortesia prodotto in quel periodo storico, a partire da un'ampia gamma di fonti socio-culturali quali la letteratura comportamentale, i trattati di retorica, i manuali scolastici, ecc. Questi testi mi interessano anche come espressioni storiche della consapevolezza metapragmatica: riflettono esplicitamente sulle norme che aiutano l'utente a monitorare la comunicazione 'cortese'.

Attualmente sono la ricercatrice senior del progetto di ricerca "Le ragioni della cortesia. La nascita della cortesia contemporanea nei trattati comportamentali italiani dell'Ottocento", a cui collaboro con Carlo Ossola e Andrea Rocci. Il progetto, sovvenzionato dal Fondo Nazionale per la Ricerca Scientifica, parte nel settembre del 2014 e corre fino al 2017.

Per il XIV convegno della International Pragmatics Association (Anversa, 2015), ho organizzato, insieme a Marcel Bax (università di Groninga) un panel dal titolo Towards a Diachrony of Relational Work: Factors behind Sociopragmatic Change in 18th and 19th Century Europe. Nel 2016 sono intervenuta in convegni a Helsinki, Dublino, Manchester, Leeds, e ho organizzato, con Elena Musiani, Università di Bologna, un panel sulla Donna nei galatei dall'Unita al primo dopoguerra per il convegno  From Mothers to Citizens: Italian Women from Unification to the Republic, organizzato dall'universita di Cambridge.

Nel 2017 sono in programma interventi a Friburgo (ECA)  e Belfast (IPRA).

Pubblicazioni recenti
Cortesi e scortesi. Percorsi di pragmatica storica da Castiglione a Collodi, Roma, Carocci, 2015, 335 pp.

- Dániel Z. Kádár, Annick Paternoster, Historicity in metapragmatics. A study on ‘discernment’ in Italian metadiscourse, "Pragmatics", 52, 3, 2015, pp. 369-391.

 - Annick Paternoster, Francesca Saltamacchia. (Im)politeness formulae and (im)politeness rules: metadiscourse and conventionalisation in 19th Century Italian conduct books, in Elena Maria Pandolfi, Johanna Miecznikowski, Sabine Christopher, Alain Kamber (a cura di), Studies on Language Norms in Context, Frankfurt am Main, Peter Lang (Duisburg Papers on Research in Language and Culture), 2017, pp. 263 - 301.

Interventi pubblici Nel 2013 sono intervenuta per la radio (RSI, Rete 2), nel ciclo "Giovanni Boccaccio e la narrativa" per cui ho presentato la storia di Tancredi e Ghismunda (IV, 1) e intervistato l'autore ticinese Giovanni Orelli. Novembre 2015 ho tenuto una conferenza pubblica nel ciclo "Qui e ora - materia del vivere" sul caffè.