Ricerca di contatti, progetti,
corsi e pubblicazioni

Emiliano Albanese

http://usi.to/r8p

Biografia

Emiliano Albanese, MD, MPH, PhD, FMH: Professore Ordinario di Salute Pubblica, Istituto di Salute Pubblica (IPH), Facoltà di Scienze Biomediche, Università della Svizzera Italiana; Professore Associato di Salute Mentale Pubblica, e direttore del Centro di Collaborazione OMS per la Ricerca e la Formazione in Salute Mentale, presso la Facoltà di Medicina, Università di Ginevra; membro del Consiglio di fondazione della Swiss School of Public Health+.

Il Prof. Albanese insegna e coordina diversi corsi nel campo dell'epidemiologia e della salute mentale pubblica. A Lugano è responsabile di diversi moduli trasversali nella Facoltà di Scienze Biomediche dell'USI, di moduli e corsi della Lugano Summer School of Public health, Policy, Economics and Management, e del Master in Psicologia cognitiva della comunicazione sanitaria.

Il Prof. Albanese ha tre principali interessi di ricerca interconnessi: demenza, invecchiamento e global mental health. Egli è prima di tutto un epidemiologo e un esperto revisore sistematico, ma i suoi interessi di accademici coprono tutto lo spettro della sanità pubblica e comprendono un ampio ventaglio di attività che va dalla clinica specialistica dell'Alzheimer e delle demenze, alle politiche sanitarie globali.

Il Prof. Albanese si è laureato in Medicina e Chirurgia nel 1998 (Università degli Studi di Milano), ha conseguito l'abilitazione all'esercizio della professione nel 1999, il dottorato di ricerca in neuropsicologia clinica nel 2002 (Università di Pavia), un Master in Sanità Pubblica (MPH) nel 2004 (London School of Hygiene and Tropical Medicine), e una specializzazione in sanità pubblica nel 2005 (Università degli Studi di Milano e Istituto Superiore di Sanità, ISS). Il Prof. Albanese è iscritto all’albo dei medici e chirurghi, e degli specialisti in salute pubblica in Italia, Regno Unito e Svizzera (FMH).

Prima di arrivare all'USI nell'agosto 2018, era basato a Ginevra dove tuttora mantiene la posizione accademica, unica in Svizzera, di professore associato di salute mentale pubblica, posizione creata nel 2013 dalla SSPH+. Tra il 2010 e il 2013 è stato ricercatore nella sezione di neuroepidemiologia del National Institute on Aging, National Institutes of Health, Bethesda (MD) negli USA; in precedenza è stato ricercatore e docente presso l'Institute of Psychiatry, Psychology, and Neuroscience, King's College London, UK, nel gruppo di ricerca 10/66. Prima degli UK, il Prof. Albanese aveva iniziato la sua carriera accademica in Italia, tra Milano e Roma, nei campi della neuropsicologia clinica e dell'epidemiologia applicata al declino cognitivo legato all'età, temi sui quali vertono sia la sua tesi di dottorato che quella di specialità.

Ricerca

Interested in working with us?

Check the job opportunities at USI!

 

We focus on three main areas:


1.A public health approach to aging and dementia. 

We are designing and implementing an ambitious research program in collaboration with the WHO, and consistent with the implementation of the two global action plans on a comprehensive public health approach to dementia and aging, respectively. Our research program is articulated across several interlinked research projects:

- Ten sixty ‘Swiss’ – A pilot study designed to explore the feasibility and acceptability of an electronic-based data capturing system for the ascertainment of cognitive function, care needs, disability, and depressive symptoms in community-dwelling older adults.

Alzheimer Schweiz – A structured study designed to formally assess the criterion validity of the 10/66 short dementia diagnostic algorithm in clinical and community settings, and in nursing homes.

- SwissDEM - A population-based, cross-sectional study into dementia and its impact in Ticino, Geneva, and Zurich. SwissDEM is funded by the SNSF, started in November 2019, and is planned to last up to four years.

- STRiDE - Is a multidisciplinary study aimed at strengthening the response to dementia in developing countries (link), through an innovative, multi-stakeholder platform designed to build  research capacity and providing evidence on dementia care in seven developing countries

DKAS – This is a large survey conducted to explore aging stereotypes, and the level of knowledge, awareness, and understanding of dementia in older and younger adults in Ticino. The survey is designed in collaboration with local stakeholders and association, applying participatory action research methods.

 

2.Guidelines, policy documents, and systematic reviews and meta-analyses.

We work with the WHO to develop guidelines and policy documents, and we design and conduct systematic reviews and meta-analyses in the field of dementia, aging, and mental health.

We also apply advanced psychometrics techniques to improve research, and evidence synthesis methods.

 

3.Public mental health

- Foresight – An experimental study designed to assess the efficacy and cost-effectiveness of a home-treatment crisis resolution team intervention implemented in Ticino to address the needs of people with severe psychosis. Foresight is led by Prof. Crivelly (DEASS, SUPSI), and by the DSS/OSC (organizzazione socio-psichiatrica cantonale).

- Mental illness and excess mortality – A nationwide, record-linkage, population-based study in the Czech Republic conducted to measure the difference in survival of people with mental disorders compared to the general population, and generate hypotheses of the explanations of the expected divide. The study is part of Dr. Dzmitry Krupchanka’s PhD project, in Geneva (WHO CC).

- Better methods for mental health trials in low and middle income countries – Using qualitative methods and approaches, we explore how to improve the design and conduction of randomized controlled trials aimed at testing the efficacy and effectiveness of low-intensity, self-care interventions for mental health in low and middle income countries. The project is an ancillary study of WHO-led RCTs in Kenya and Pakistan. The study is part of Mrs Melissa Harper’s PhD project, in Geneva (WHO CC).