Ricerca di contatti, progetti,
corsi e pubblicazioni

Novel electro-mechanical phenotyping of heart failure patients candidate for cardiac resynchronization therapy

Persone

Responsabili

Auricchio A.

(Responsabile)

Krause R.

(Co-Responsabile)

Maffessanti F.

(Co-Responsabile)

Abstract

In sintesi

La terapia di risincronizzazione cardiaca (CRT) costituisce un importante strumento nella gestione dei pazienti con scompenso cardiaco. Il progetto intende fornire una caratterizzazione elettromeccanica del paziente sottoposto a CRT allo scopo e di migliorare l'indicazione terapeutica e di identificare le variabili elettromeccaniche associate a una prognosi favorevole.

Soggetto e obiettivi

Lo scompenso cardiaco è caratterizzato da un progressivo deterioramento della funzione di pompa cardiaca. Negli ultimi venti anni, numerosi trial clinici hanno dimostrato come la CRT, ripristinando la sincronia nella contrazione cardiaca e promuovendo di conseguenza il rimodellamento ventricolare inverso, sia in grado di ridurre la frequenza di riospedalizzazioni e la mortalità nei pazienti con scompenso cardiaco. Ciononostante, circa il 25-30% dei pazienti con CRT, non manifesta benefici in termini di sintomi e prognosi. Per questo l’uso della CRT è tuttora ampiamente dibattuto, poiché non è chiaro come una terapia elettrica possa risolvere un problema prettamente meccanico.

Il progetto si propone, per mezzo di un approccio multimodale recentemente sviluppato dal nostro gruppo e in grado di descrivere simultaneamente e in modo dettagliato l’attività elettrica e meccanica, di meglio caratterizzare il substrato meccano-elettrico del paziente candidato a CRT. In particolare il progetto si prefigge di validare le misure di deformazione meccanica, valutare l’associazione tra attività elettrica e presenza di tessuto cicatriziale, e infine identificare i fattori elettromeccanici associati a una risposta positiva a CRT.

Contesto socio-scientifico

Lo scompenso cardiaco è una condizione patologica a crescente incidenza nei paesi industrializzati e associata a un’elevata morbidità. Il miglioramento terapeutico per mezzo di CRT non può prescindere dall’attenta comprensione della patologia nel suo complesso elettromeccanico.

Informazioni aggiuntive

Data d'inizio
01.05.2016
Data di fine
01.10.2019
Durata
41 Mesi
Enti finanziatori
Partner esterni
Stato
Concluso